Pagina:Albini - Le nostre fanciulle.djvu/253

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Il nostro salario 211

senza meritarseli, e minaccia di toglierli se si ostinano a rimanere inoperosi.

Charles Gide, in un notevolissimo discorso tenuto ai laureati dell’Università di Montpellier «sulle professioni liberali e il lavoro manuale» disse qualche cosa che si applica anche al nostro caso.

«Voi dovete dire che siete, per grazia, o per fortuna, sfuggiti al lavoro manuale, e che, per conseguenza, avete da pagare questo vostro riscatto. Voi dovete impegnare il vostro onore a fornire una somma di lavoro almeno equivalente al lavoro fornito da quelli che abitudine chiama, con una denominazione veramente umiliante, non per essi, ma per noi «i lavoratori»; a costoro, che vi hanno rimpiazzati nei servigi obbligatori che impone la natura e portano in vece vostra il peso della giornata e producono il pane quotidiano per essi e per noi; per voi prima, per essi dopo, se ne resta».

E proseguendo, disse anche questo:

«Avete voi pensato che i vostri compagni del lavoro manuale non conoscono nella loro vita alcuna vacanza, e per dir meglio, essi non le conoscono e non le desiderano, anzi le de-