Pagina:Alcippo.djvu/12

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

P R I M O. 11

SCENA SECONDA.


Megilla.


LAsso me; d’hora in hora
Veggio più chiaramente, i miei pensieri
Uscir fallaci, e farmi
Più tristo, e più dolente;
Io credei con questi habiti mentiti,
E farmi intra le Ninfe
Compagna a Clori, procacciar conforto,
Et aprirmi la strada
A le nozze bramate,
E trovar refrigerio a’ gravi ardori;
Lasciai d’Elide i campi,
Ove soavemente era cresciuto,
Venni a monti d’Arcadia,
E qui non conosciuto
A mia voglia dimoro
Sempre con esso lei,
Che sola al mondo honoro;
Ma fuor di quelle labbra uscir le voci
Ver l’amorosa fiamma
Io non sento giamai se non feroci;
In quel nobile core
Solamente è desio d’archi, e faretre;
Ama predar le selve,
Ne d’altro sente amore;
Dunque gioiosamente
I fortunati amanti
Menino l’hore appresso


A    6     Le