Pagina:Alcippo.djvu/11

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
10 A T T O

Par che metta le piume;
Questi sono piacer, sono diletti,
Questa è vita tranquilla,
Così si gode, o cara,
E diletta Megilla.
Meg.Oh la vista de prati,
De monti, e de le valli,
De le fresche riviere
Non si concede al guardo de le Spose?
Non ponno saettar? non tendere archi?
Non dar morte a le fere?
Clo.Come errar per le selve
Donna po, ch’abbandona a le capanne
E fanciulli, e fanciulle?
Non po tergere i dardi,
Ne fornir le faretre,
Et haver per la mente, e fascie, e culle;
Non è cosa gioconda
Senza la libertate;
Così credo io; tu spendi questo giorno
Giocosamente su per gli alti gioghi,
E disiami teco,
Che teco io veramente
Verrò per le foreste,
E sarò con Licasta
Col corpo solamente.


SCE-