Pagina:Alfieri, Vittorio – Tragedie, Vol. I, 1946 – BEIC 1727075.djvu/153

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto terzo 147



SCENA QUARTA

Creonte, Giocasta, Antigone, Polinice.

Gioc.  Ah! vieni; ah! d’un tremendo

dubbio orribile trammi... Esser può mai?...
Dimmi...
Creon.  Letizia, e vera pace io porto:
donne, asciugate il ciglio. È Polinice
il nostro re. — Primo a prestarten vengo
l’omaggio...
Polin.  A me ne fia lo augurio lieto:
chi, piú di te, vedermi brama in trono?
Gioc. Vero parli?
Creon.  Sgombrate ogni sospetto;
cacciato io pure ogni sospetto ho in bando:
Eteócle cangiossi; e omai...
Polin.  Cangiossi
Eteócle? — Creonte, a me tu il dici?
Creon. Svaní per or la trama.1 — È ver, che vani
a piegarlo pur troppo eran miei sforzi,
s’altra non si aggiungea ragion piú forte.
Mormora in Tebe ogni guerriero, e viene
ritroso all’armi a pro di un re spergiuro.
Il mal talento universal lo stringe;
nol dice ei giá; ma, chi nol vede? è vinto
dalla necessitá; pur d’alti sensi
velarla vuole.
Gioc.  Assai ti udia diverso
giá favellar di lui.
Creon.  Temprare il vero
spesso in molli lusinghe al re mi udisti;
nol niego io, no: ma il favellargli aperto
concede ei mai? Dura, e non nobil arte,

  1. Sommessamente a Polinice.