Pagina:Alfieri, Vittorio – Tragedie, Vol. I, 1946 – BEIC 1727075.djvu/270

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
264 virginia



SCENA QUINTA

Appio.

Mi si resiste ancora? — Ostacol nuovo

m’è nuovo spron: plebea beltá, che il petto
mi avria per se di passeggera fiamma
acceso appena, or che di sdegno freme
Roma per lei, profondamente or stammi
fitta, immota, nel core; or quanto il regno
m’è necessaria, e piú. — Ma, l’ora sesta
lungi non è. Vediam, se in punto è il tutto,
per insegnare alla malnata plebe,
che in lei non piú, ma tutta in me sta Roma.