Pagina:Alfieri, Vittorio – Tragedie, Vol. III, 1947 – BEIC 1728689.djvu/299

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto secondo 293
Cesare è tal, che dittator tiranno,

(qual è, qual fassi ogni dí piú) nol vuole
Bruto lasciare a patto nullo in vita;
e vuol svenarlo, o esser svenato ei stesso...
Ma, tale in un Cesare a Bruto appare,
che libertade, e impero, e nerbo, e vita
render, per ora, ei solo il puote a Roma,
s’ei cittadin ritorna. È della plebe
l’idolo giá; norma divenga ai buoni;
faccia de’ rei terrore esser le leggi:
e, finché torni al prisco stato il tutto,
dal disfar leggi al custodirle sia
il suo poter converso. Ei d’alti sensi
nacque; ei fu cittadino: ancor di fama
egli arde: è cieco, sí; ma tal lo han fatto
sol la prospera sorte, e gli empj amici,
che fatto gli hanno della gloria vera
l’orme smarrire. O che il mio dire è un nulla;
o ch’io parole sí incalzanti e calde
trar dal mio petto, e sí veraci e forti
ragion tremende addur saprogli, e tante,
ch’io sí, sforzar Cesare spero; e farlo
grande davvero, e di virtú sí pura,
ch’ei sia d’ogni uom, d’ogni Romano, il primo;
senza esser piú che un cittadin di Roma.
Sol che sua gloria a Roma giovi, innanzi
io la pongo alla mia: ben salda prova
questo disegno mio, parmi, saranne. —
Ma, se a Cesare or parla indarno Bruto,
tu il vedi, o Cassio, con me sempre io ’l reco
ecco il pugnal, ch’a uccider lui fia ratto,
piú che il tuo brando...
Cicer.  Oh cittadin verace!
Grande sei troppo tu; mal da te stesso
tu puoi conoscer Cesare tiranno.
Cassio Sublime Bruto, una impossibil cosa,