Pagina:Alfonso Varano - Opere scelte 1705-1788.djvu/142

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
120 visione

Chè il pianto ei non dovea scioglier soave
     Fra l’ira; e nol potea, perchè in sé stessa
     546Divinità seme di duol non ave.
Piangea Natura intanto afflitta e oppressa
     L’Autor suo, che a morir era condutto
     549Dall’altrui colpa contro a Dio commessa:
Piangeano gli Astri, il Sol, la Terra, e tutto
     L’esercito degli Angeli, e la schiera
     552Dell’Alme pie. Ma che valea quel lutto?
Forse o Spirto nel cielo, o stella, o sfera,
     Od Uom in terra, o belva, o augel che voli
     555A compianger un Dio bastevol era?
Mancavan dunque a chi può tutto i soli
     Pianti degni di lui; nè mai pupilla
     558Potea eguagliar gl’inimitabil duoli.
Allora il divo Amor, che in sua tranquilla
     Gloria impassibil regna, in fra l’eccelse
     561Opre pensò la mesta opra, e compilla.
Ch’ei l’alma Donna a tanto affanno scelse,
     E con maravigliosa arte i materni
     564Umani affetti pria dal cor le svelse:
Poi versò tutti in lei que’, che ai Paterni
     Moti del cor divino eran dovuti,
     567Se lagrimar potesser gli occhi eterni.
Com’egli oprò coi sovrumani ajuti,
     Che al nascer dell’Uom-Dio gli ufficj pieni
     570Di Genitor fosser da lei compiuti;
Così, quando al gran Figlio i rai sereni
     Morte oscurò, volle pur egli, e il fece
     573Con modi ignoti a’ tuoi pensier terreni,
Che sovra quanto a mortal Donna lece
     Ella adempisse col dolore immenso
     576Di Madre insiem del Genitor la vece.