Pagina:Alfonso Varano - Opere scelte 1705-1788.djvu/193

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

nona 171

Son quel desso, ei rispose. A me prescritto
     Fu dal sommo Voler, che io queste piagge
     177Féssi dalle beate aure tragitto,
Perchè con miglior lume il tuo s’irragge
     Fosco pensar, mentre uno spirto stesso
     180Me di là muove, e te quassù pur tragge.
Ben nel gioir al divo fonte appresso
     Del valor vero in sì felice seggio
     183So quanto altrui ne puote esser concesso,
E nell’immensa Deitade io veggio
     Chi mi prestò l’insuperabil forza,
     186Cui lo splendor di mie vittorie io deggio.
Tu ignori onde l’ardir s’infiamma, o ammorza;
     E all’umano poter la gloria ascrivi.
     189Che non pregi nel frutto altro che scorza.
Or agl’infermi tuoi raggi visivi
     Giungo, e all’orecchio fral virtù divina,
     192Tal che pari non l’abbia alcun fra i vivi.
Già ti stan destre irate, a cui destina
     O palma, o strage il Ciel, davanti agli occhi,
     195E l'orribile pugna è omai vicina.
Allor la man mi strinse, e sentii tocchi,
     Come da un urto acuto, i nervi, e dalle
     198Fiamme, che ferro elettrizzato scocchi.
Ma parvi a me di me maggior. Le spalle
     Volsi al meriggio, e indirizzai gli sguardi
     201Fra un ampio monte, e la soggetta valle,
Ove credei tra folte armi e stendardi
     Le prime rimirar guerriere prove;
     204Quando il Duce mi disse: E dove guardi?
Guardo, risposi, là donde si move
     Selva d’insegne al vento. Egli riprese:
     207Altro principio ha la battaglia altrove;