Pagina:Alfonso Varano - Opere scelte 1705-1788.djvu/201

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

nona 179

Nè a lui beato d’abbracciar incresca
     L’indegno umano cor, per cui morìo:
     441Che pietade anzi in tale stato accresca
Per l’Uomo al Padre, e in lui compia il desìo
     Di Giustizia e d’Amor, mentr’egli il mira
     444Vittima insieme, e Sacerdote, e Dio.
Queste dell’ardor mio, che in lui s’aggira
     Chiare fur geste, e pregio mio sublime
     447Quest’è, che ascoso un Dio d’amor sospira,
E in terra v’ha chi di scemar s’estime
     L’onor di tanta impresa, e chi s’arroghi
     450La colpa d’annebbiar l’opre mie prime?
Chi vittima non creda arsa fra i roghi
     Questa, ma immago; e del Dio vero in vece
     453La rimembranza sol del Dio surroghi?
Or s’avvegga, che a un folle ardir non lece
     Tormi il trionfo mio, qual l’ebbi in pria:
     456Già il fulmin mi prestò Quegli, che il fece;
E il Popol reo, che il mio gran dono obblìa,
     Provi me Amor, ma di pietade ignudo:
     459Mia fu l’offesa, e la vendetta è mia.
Con tai detti vibrò lampo sì crudo
     Verso il confin delle nemiche tende,
     462Che fora vano opporgli usbergo e scudo.
Il lume rapidissimo, che scende,
     Gli occhi abbagliommi; ed allor ch’io gli apersi,
     465Stetti qual Uom, che nulla vede e intende;
Ma poi che a poco a poco abili férsi
     Le pupille al lor uso, al ciel m’affisi,
     468E più la bella Visìon non scersi.
Quindi, se i fati eran ornai decisi
     Delle due Genti, ad esplorar m’accinsi;
     471Ch’io mentre avea gli sguardi ad Amor fisi,