Pagina:Alfonso Varano - Opere scelte 1705-1788.djvu/246

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
224 visione

L’ultime voci tue, risposi, quella
     Mi reser calma, che testé rapimmi
     315Del grande affanno tuo l’immagin fella.
Perdona il pianto all’amor mio. Ma dimmi
     (Se mi è dato esplorar gli arcani ignoti
     318Di Dio, che la tua voce in parte aprimmi)
Com’esser può fra sì contrarj moti,
     Che duolo e gioja in un s’annidi, e insieme
     321Sì avversi affetti in te regnin immoti?
Ch’ove cede un, l’altro ne tragge, e preme
     Qual preda, che tien dietro al laccio, o all’amo?
     324Vien egli forse a confortar l’estreme
Tue pene, e il vedi, chi l’error d’Adamo
     Lavò col sangue? E veder Dio ti lice?
     327Ah! nol veggo, sclamò; l’intendo, e l’amo.
E il mio perfetto amor è la radice,
     Per cui, benché punta da pena intensa,
     330Io son placida almen, se non felice;
Chè non m’oscura più la nube densa,
     Che in terra il mio pensar d’ombre coprìo;
     333Ma la pietà di Lui comprendo immensa,
E al suo voler così consente il mio,
     Che se mi fosse eterno duol prescritto,
     336Io l’amerei, perchè tal piacque a Dio.
Chè fora colpa nel divino Editto
     O torve, o lagrimose erger le ciglia,
     339E in me più alcun non può nascer delitto.
Già tu sai, se col suo cor si consiglia
     Uom nell’opre, che a lui sembran perfette,
     342E in se laude ne desta, e maraviglia,
Che in esse macchia d’error lorda ei mette,
     Togliendo a Dio quel che a lui tutto attiensi
     345Dell’opre onor compiutamente elette;