Pagina:Alfonso Varano - Opere scelte 1705-1788.djvu/41

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

alla prima visione 19

d’Ulisse; e può essere, che Ulisse stesso l’abbia fatto, rome viene espresso da Omero 3 e che non abbia dati i segni di timore alcuno, che il gran pericolo, in cui egli incorse, doveva eccitare in lui, per vana gloria di valor militare, che si vanta di non temere i periioli.

P. 8. Ma come in tanta gloria or ti rimeggio ec.

L’incontaminata vita, le apostoliche fatiche, e i sacerdotali costumi di monsignor Barberini, del tutto conformi all’idea , che del vescovo ci dà san Paolo nelle sue Epistole a Timoteo e a Tito, danno un giusto motivo all’Autore di supporlo già Beato in cielo.

P. 10. Sette fra i Cherubin più ardenti in viso ec.

Di sette Angeli principali, che assistono al divin trono, si fa menzione spesse volte nelle Scritture: come in Tobia (cap.XII ): Ego sum Raphael angelus y unus ex septein , qui adstanius ante Dominum. E più acconciamente all’argomento, di cui tratta l’Autore, nell’Apocalissi (cap.VIII) si parla di sette Angeli presti alle vendette del Creatore sovrano, uno dei quali vien detto nel cap. IX Sterminatore : Latine habens nomen Exterminans.

P. 12. Poiché avvi immenso in Dio sapere eterno ec.

Entra qui l’Autore a spiegare teologicamente come si concilii l’umana libertà coll’infallibile prescienza divina, la quale, riguardo alle azioni dell’uomo, che portano seco merito, o demerito, non induce in lui necessità, come dicono le Scuole, antecedente, ma sol conseguente. Val a dire, che intanto Iddio vede il bene, o limale, a cui l’uomo vuole appigliarsi, non perchè egli lo costringa air uno , o all’ altro , ma perchè vede 1’ uomo già risoluto ad abbracciare, e compiere l’uno o l’altro col suo libero arbitrio, giusta il detto dell’Eccl. (cap. XVI): Ante hominem vita, et mors, bonum , et malum; quod placuerit ei, dahitur illi. Col qual testo, e con altri simili della Scrittura resta confutato l’errore de’ Novatori, che niegano all’uomo la libertà d’indifferenza.