Pagina:Alfonso Varano - Opere scelte 1705-1788.djvu/64

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
42 visione

Movendo il pie ne’ verdi campi errante
     Suggean dai fior più guasti il velen dolce,
     252Che inebbria il cor d’immondi paschi amante;
Ch’ivi l’un l’altro ognor conforta e folce
     Su quelle vie di morte, e i lunghi affanni
     255Con alterna empietade allevia e molce.
Miseri! Che non mai per volger d’anni,
     Nè per tuonar fra nubi atre di fitto
     258Struggitor nembo odian gli antichi inganni;
Ch’eglin anzi, se avvien che alcun trafitto
     Da folgore improvvisa in cener vada,
     261Scherzan fra l’arso busto e il vil delitto.
Nè, perchè un riamato Amante cada
     Nè precipizj dell’eterno lutto,
     264Che infiniti apre in sé l’oscura strada,
L’altro ricusa il venenato frutto;
     Ma in ricercar nuov’esca aggiunge moto
     267De’ pensier pravi al tempestoso flutto;
Chè il trascorrere il mar sordido a nuoto
     Fra scogli e secche, e senza scorta e lume
     270È il solo e iniquo lor trionfo, e voto.
Quindi volgendo per fatal costume
     Gli occhi al fallace Adone, e a Dio le spalle,
     273Gridan: Adone è il piacer sommo, e il Nume;
E l’esecrata voce in ogni calle
     Rigogliosa s’aggira, e la ripete
     276Con raddoppiato suon tutta la valle.
L’aere maligno, e le tenébre liete
     Per la viva degli atti immagin molle
     279Già m’infiammavan d’amorosa sete,
E il Duce, che in me lesse il desir folle,
     Tempo è, gridò, ch’altro a’ tuoi sguardi surto
     282Foco t’ammorzi quel che in cor ti bolle;