Pagina:Alighieri, Dante – La Divina Commedia, 1933 – BEIC 1730903.djvu/283

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

purgatorio - canto xxvii 277

     mentre che vegnan lieti li occhi belli
che, lacrimando, a te venir mi fenno,
138seder ti puoi e puoi andar tra elli.
     Non aspettar mio dir piú né mio cenno:
libero, dritto e sano è tuo arbitrio,
141e fallo fòra non fare a suo senno:
     per ch’io te sovra te corono e mitrio».