Pagina:Alighieri, Dante – La Divina Commedia, 1933 – BEIC 1730903.djvu/288

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
282 la divina commedia

     darotti un corollario ancor per grazia;
né credo che ’l mio dir ti sia men caro,
138se oltre promission teco si spazia.
     Quelli ch’anticamente poetaro
l’etá de l’oro e suo stato felice,
141forse in Parnaso esto loco sognaro:
     qui fu innocente l’umana radice;
qui primavera sempre e ogni frutto;
144nettare è questo di che ciascun dice».
     Io mi rivolsi ’n dietro allora tutto
a’ miei poeti, e vidi che con riso
147udito avevan l’ultimo costrutto;
     poi a la bella donna tornai ’l viso.