Pagina:Alle porte d'Italia.djvu/123

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

emanuele filiberto a pinerolo 109

alla patria, Emanuele Filiberto, non è vero? Tu ti farai restituire la tua città fedele, che non t’ha mai visto, ma che t’ha sempre amato e invocato! Tu ci pensi a noi, tu ci pensasti sempre, tu la vuoi a qualunque prezzo, e la ripiglierai con la spada, se occorre, la tua Pinerolo, non è vero? mio valoroso, mio nobile, mio superbo principe, gloria del nostro sangue e speranza del nostro paese! — Ed era così bella in quell’atto, stretta nella sua veste di lana oscura, con la sua gorgierina di mussola che le s’alzava a ventaglio dietro la nuca, col viso un po’ inclinato sopra una spalla, e così grande e così bionda, che se il duca di Savoia l’avesse vista, avrebbe forse proposto a Margherita di Valois una nuova damigella d’onore.



Quella sua adorazione per Emanuele Filiberto era il tormento di un suo cugino, Antonio Lombriasco, che faceva le pratiche di notaro nello studio del padre, facendo nello stesso tempo, e con non maggiore profitto, l’occhio pio alla figliola. Il nipote cronista si piglia molto spasso di lui, celiando un poco pesantemente, alla maniera dei novellisti del suo tempo. Lo definisce: “giouine di grosso intendimento e di picolo e poerile animo„ soggiungendo poco dopo “di rideuole aspetto.„ Pare che fosse un mezz’uomo, stentito e vanesio, con un gran naso rincagnato. Persuaso che il duca di Savoia fosse la sola cagione per la quale sua cugina rifiutava come