Pagina:Aminta.djvu/80

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
80 Atto Quarto.

Strada non già, che non v’è strada alcuna,
Ma cala un precipitio in una valle.
Qui ci fermammo. io, rimirando à basso,
Tutto sentij ricapricciarmi, e’ndietro
Tosto mi trassi: et egli un cotal poco
Parve ridesse, e serenossi il viso,
Onde quell’atto più rassicurommi.
Indi parlommi si: Fa, che tu conti
A le Ninfe, e à i Pastor, ciò che vedrai:
Poi disse, in giù guardando:
Se presti à mio volere
Cosi haver io potessi
La gola, e i denti de gli avidi lupi,
Com’hò questi dirupi,
Sol vorrei far la morte,
Che fece la mia vita:
Vorrei, che queste mie membra meschine
Sì fosser lacerate,
Ohime, come già foro
Quelle sue delicate.
Poi che non posso, e ’l Cielo
Dinega al mio desire
Gli animali voraci,
Che ben verriano à tempo, io prender voglio
Altra strada al morire:
Prenderò quella via,
Che se non la devuta,
Al men fia la più breve.
Silvia, io ti seguo, io vengo
A farti compagnia,


Se