Pagina:Amori (Savioli).djvu/80

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Npag.png71

Per me non oso io chiedere
     La pace a te rapita:
     Estremo dono accordami
     Vederti, e uscir di vita.

Se l’ira tua non placasi
     Al disperato oggetto;
     Dell’inflessibil Atropo
     Avrai più duro il petto.

Forse gli Dii ti sciolgono,
     Perchè spergiuro io fui?
     Ah no: se a te mi rendono,
     Non ti vorran d’altrui.

Obblía le antiche ingiurie
     Giunon regina, e moglie,
     E vergognoso ai talami
     Il gran Tonante accoglie.