Pagina:Amori (Savioli).djvu/90

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Npag.png81


Ed aspettò la misera
     Le infide vele invano,
     E invano al petto ingiuria
     Fè coll’avversa mano;

E invan discinta e pallida
     Pianse sul lido incolto,
     E i pianti suoi bagnavano
     Al picciol Pirro il volto.

Vuoi più? le leggi ei modera
     Amor del sordo fato,
     Egli i decreti ferrei
     Segna col dardo aurato.

Ei fu, che agli occhi offersemi
     Cara beltà novella,
     E coll’usato imperio
     Disse; arderai per quella.