Pagina:Andrea da Barberino - Guerino detto il Meschino, 1841.djvu/111

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo viii. 77

egli davanti le disse di ascoltare alquante sue parole, ed avendogli essa concesso di dire quello che più gli tornasse grado, il Meschino fece questo breve discorso:

«Madonna, tre cose a’ miei giorni ho veduto ed imparato, e che voglio ora spiegare a voi. La prima, gran prudenza a castigare il matto; la seconda gran sapienza a comportare il vecchio; la terza gran fortezza a raffrenare la lingua della femmina mal parlante. Il pazzo che non ode ragione castigasi per le botte; però ho usato io questo prudenza». La donna cominciò a rider tanto quando udì quel cavaliere così ben parlare, che perdonogli quanto aveva fatto. Ed avendo egli, nel mentre parlava, la visiera alzata e scoperto il volto, la donna che lo vide giovine, ben armato e della persona ben disposto, si sentì come trafitta dal segno di scorpione, e già mezzo innamorata di lui. Domandollo donde veniva, e quello che andava cercando. Il Meschino risposele: «Io ed il mio compagno veniamo d’Armenia, e andiamo pel mondo cercando la ventura che Dio ci darà». La donna lo pregò a restare qualche giorno nel proprio palazzo. Fece loro grande onore, ed apparecchiare un appartamento fornito di letto e di addobbi all’usanza del paese.

Riposatisi tranquillamente la notte, messer Brandisio e il Meschino andarono la mattina davanti alla bellissima damigella Aminadam, la quale usò loro grande cortesia, e così tutti i baroni della corte che dimostrarono gran piacere di sapere delle cose di Grecia e di ponente, e delle condizioni di quelle genti. E così stettero fino al quarto giorno, quando sedendo ciascuno in terra sopra un ricco tappeto dove era loro portato da mangiare, e là si davano molto sollazzo, cioè la donna con una damigella sua parente, ed un barone, il Meschino e messer Brandisio; la guardia della torre scoperse in lontananza le genti che venivano all’assedio di quella città. La damigella, che ne era reina, cominciò a tremar tutta di paura, per cui il Meschino la confortò dicendole: «Madonna, non abbiate paura. Il vostro bisogno fu detto perfino in Armenia, e solo per esser vostro campione io di là son venuto». Intanto si faceva sentir molto strepito d’armi e d’armati, e al Meschino che richiedeva la cagione di quella sommossa, Aminadam rispondeva tremando, esservi un barone, signore delle mon-