Pagina:Andrea da Barberino - Guerino detto il Meschino, 1841.djvu/338

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
258 guerino.

dar duecento denari d’oro, e disse: — Se per il cammino di San Giovanni di Galizia tu senti che vi sieno ladroni, fa che tua possanza li discacci, e farai sicuro il cammino, acciocchè i pellegrini possano andar sicuri che non sieno rubati». Ed ei così promise di fare con tutta la sua possanza, e con la santa benedizione di lui si partì. E questo fu papa Benedetto III, l’anno di Gesù Cristo 824, ed era imperatore re Carlo Magno il vecchio. Poi tornò all’albergo, e nella seguente mattina armato a cavallo con la sua lancia in mano si partì da Roma, e verso la Toscana prese il suo cammino.


Guerino detto il Meschino p0148.png


    Carlomagno fece dei Moabiti, così egli doveva liberare la via da certi malandrini che impedivano ai pellegrini la loro andata al Santo Sepolcro. I nomi e le imprese saranno diverse, ma il fondo del romanzo del medio evo è lo stesso, cioè quel maraviglioso conservato e perfezionato nelle favole de’ trovatori, poscia circa l’undecimo secolo trasfuso nelle chimeriche storie di Turpino e di Goffredo di Montmouth, primi autori che abbiano parlato delle supposte guerre di Carlomagno e del re Arturo, diventate il fondamento di quelle narrazioni favolose, e di quegli strani incantesimi e fantastiche invenzioni, che secondo Mallet nella sua introduzione alla storia di Danimarca rivelano la mitologia, che gli Sciti od i Goti condotti dal celebre Odino nel settentrione dell’Europa recarono dall’Asia ai Celti o Scandinavi.