Pagina:Andrea da Barberino - Guerino detto il Meschino, 1841.djvu/435

Da Wikisource.

CONCLUSIONE



Partiti il Meschino, Alessandro e Trifalo dal re Polidone con molte ricchezze e tesoro, vennero per l’Armenia al mar maggiore ed entrarono in mare e trovarono la galera, la quale avevano lasciata con le due galee. Navigando per il mar maggiore, verso Costantinopoli n’andarono, e giunti colà si fece grande allegrezza della loro tornata e delle loro donne. Stette il Meschino due mesi con Alessandro, e ingravidò Antinisca d’un fanciullo, e medesimamente s’ingravidò Lauria in capo di due mesi. Il Meschino si partì di Costantinopoli ed Alessandro lo accompagnò con due galere, e con piacere si tornò a Durazzo, dove il padre e la madre ebbero grande allegrezza del suo ritorno, e il Meschino ed Alessandro andarono a visitare il re Guiscardo di Puglia e Girardo Pugliese, i quali fecero gran festa della sua tornata e, posati alquanto, se n’andarono a Roma, e da