Pagina:Anime oneste.djvu/138

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
124 le nozze

non faceva nulla, non doveva occuparsi di nulla. Restava in lunghi colloqui col fidanzato, procurando di smorzare così il dolore che sentiva e che diventava di giorno in giorno più angoscioso.

Per la casa era un via vai rumoroso e incessante. Fu messo in bucato tutto il corredo, poi chiuso nelle casse, e infino spedito insieme ai vestiti e a tutti gl’indumenti della sposa. Fu lasciato solo il vestito da sposa e l’abito biancastro che Angela indossava e che le avrebbe servito per viaggio. Il suo turbamento crebbe nel vedere trasportare le casse: qualcosa di lei partiva verso l’ignoto, già; e già ella sentì la nostalgia, immemore, ricordando come in sogno i luoghi ove ancora si trovava.

Pietro si accorgeva di tutto e faceva del suo meglio, ajutato da Paolo e da Sebastiano per divagare la sposa. Erano serenate, mandolinate, ricevimenti, piccole feste da ballo, voci, risate, complimenti, dolci e fiumi di caffè, di vini e di liquori.

Angela sorrideva a tutti, ma vedeva sfilare