Pagina:Anime oneste.djvu/180

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
166 comincia il dramma

si sentiva sola e più che mai bisognosa di un appoggio, di un’amicizia confortante e buona. Perchè Sebastiano non poteva essere il suo amico, il fratello suo?

Anna si figurava, non avendo avuto mai fratelli, che un fratello potesse esser l’amico a cui confidare i segreti del cuore.

Quando Sebastiano si riavvicinò, Anna, a sua volta, ebbe il desiderio di nascondergli il viso sul suo petto, e supplicare: io mi smarrisco.... ajutami a dimenticare.... allontanami di qui! —

— Dimmi tutto, Anna, sii sincera, io non ti farò alcun male.... forse anzi potrò ajutarti. Ma sii franca. Dunque?...

— Dunque, non c’è nulla, non c’è stato mai nulla, te lo giuro....

— Ssss.... non c’è bisogno di giurare. Ti credo lo stesso: però non dirmi che non c’è stato nulla. E allora?...

— Non lo so, non so nulla neppur io, non so come è stato.... Sebastiano....

Sebastiano ebbe una specie di spavento; una voce misteriosa tornò a ripetergli — Mi-