Pagina:Anime oneste.djvu/211

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il sacrifizio 197


Dopo cena Sebastiano prese il suo cappotto e uscì, ma dimenticò di pigliarsi la chiave.

— Resterò io ad attenderlo, — disse Anna spingendo il braciere accanto alla tavola, per sedersi accanto e leggere.

Ma, per più d’un’ora, nessuno andò a dormire. Antonino studiava a voce alta la sua lezione di latino, Nennele faceva le ombre sulle pareti e le serve filavano.

Un po’ di tristezza restava ancora negli occhi di Caterina, e Anna leggeva i Racconti Russi di Turghenieff.

Anna leggeva sempre buoni libri; ciò le permetteva di non passare per una stupida quando si parlava di letteratura alla sua presenza.

Cesario comprava mano mano le novità letterarie che uscivano a Roma ed a Milano; non aveva più la manìa dei libri francesi.

Anna e Caterina leggevano; ma mentre i romanzi ed i versi contribuivano ad esaltare il carattere bizzarro di Caterina, passando nella sua fantasia come una meteora infuocata, ad Anna servivano di studio.