Pagina:Anime oneste.djvu/249

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capo d’anno 235


Alla lettura dei nomi di ogni coppia che avrebbe dovuto unirsi in matrimonio, echeggiavano alte risate. Quelli delle signorine le estraeva Nennele e quelli dei giovanotti Anna.

Tutti badavano perchè non accadessero degli imbrogli. A misura che Nennele estraeva il biglietto, lo porgeva ad Antonino che lo svolgeva e lo leggeva.

Venivano fuori dei bizzarri matrimoni divertentissimi: ma anche dei matrimoni assai convenienti.

— Cesario Velèna, — lesse Anna, e Antonino esclamò:

— Maria Cajenna!

— Diavolo! — mormorò Cesario, che fumava, evidentemente annoiato di dover passare tutta la serata in famiglia.

La signorina Cajenna era nientemeno che la figlia del sotto-prefetto, la signorina più chic della città.

Tutti restarono contenti di questo matrimonio. Dopo altre cinque o sei coppie, Anna domandò:

— Chi è venuta fuori ora?