Pagina:Anime oneste.djvu/252

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
238 capo d’anno


Dopo esser stata timida e quasi goffa — ora Caterina si prendeva troppa libertà col fidanzato, — troppa per la prima sera, — e Maria Fara non voleva che si rompesse ancora quel po’ di etichetta, necessaria per l’occasione.

— Buona notte, addio Caterina, addio, Nennele, — disse Gonario facendo addio con la mano, rivolto ai cognatino che se ne stava ancora a tavola, tra gli avanzi dei giochi e tra i bicchieri ancor colmi a metà di vino.

Nennele gli mandò un bacio sulla punta delle dita e Caterina esclamò:

— Arrivederci all’anno venturo!

Egli sorrise ed uscì con Cesario.

— Andate a dormire, — disse Lucia a Caterina e alla cugina dopo che tutti gli altri si furono ritirati, — resterò io sinchè sarà tutto riordinato.

— Sei contenta, Annì? — domandò Caterina salendo le scale, col lume in mano, e tirando la treccia della cugina.

— Io? Contentissima!

La sua voce alta echeggiò sotto la volta