Pagina:Anime oneste.djvu/275

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la lontananza 261

egli sentiva quasi voglia di piangere e il suo cuore diceva: Domani ritornerò!

Era proprio deciso, allorchè una di queste sere appunto, agli ultimi di marzo, ricevette una letterina di Anna che gli diceva press’a poco così: Caterina si sposerà verso il settembre, se non prima. Angela verrà per le nozze e poi mi porterà via con sè... forse per sempre!

L’indomani Sebastiano salì a cavallo e andò al villaggio per cercare gli uomini che dovevano far il primo muro di cinta della tenuta di S. Giacomo. Si recò anche dal padrone del bosco di olivastri, confinante col salto, per far le pratiche onde acquistare il bosco.

Il viso di Sebastiano era pallido, col profilo un po’ contratto; ma una grande energia si leggeva oramai nel suo sguardo duro, severissimo. Egli non sarebbe più ritornato!



In quel carnevale le signorine Velèna si divertirono assai. Andavano ai balli del circolo e ai balli del sotto-prefetto. Gli ufficiali