Pagina:Anime oneste.djvu/85

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

tre anni dopo 71

tutte le persone d’età, Paolo Velèna pensava che il passato era più bello del presente.

Così amava Anna teneramente, perchè spesso glielo ricordava, e già nel suo pensiero si era radicata l’idea di maritarla con Sebastiano o con Cesario. Cesario era più adatto. Perchè Anna era una signora.

Come ella si era trasformata, donde aveva preso la sua eleganza, la sua vivacità, i suoi modi perfetti?

Paolo non si accorgeva che tutto proveniva dalla squisita bontà di uno spirito lieto di vivere, pieno di sani ideali e di gentilezza.

Caterina era una bambina allegra ma forse sarebbe diventata una giovinetta triste e sentimentale perchè aveva l’anima irrequieta e la fantasia ardente. Anna era stata una bambina equilibrata, allegra o triste secondo il riflesso delle ore o dell’ambiente; così nasceva in lei la fanciulla, calma, piena di sorrisi miti e di sogni umani.

La gentilezza dei suoi vestiti e dei suoi atti proveniva forse dallo svolgimento della sua vita intima.