Pagina:Anime oneste.djvu/97

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

tre anni dopo 83

Pietro aveva ucciso il cinghiale, ma la caduta di Angela avvelenò l’esito insperato della caccia.

Ci volle un quarto d’ora perchè la fanciulla riprendesse i sensi. Si era ferita gravemente alla testa, e stette quasi due settimane a letto.

Ogni giorno l’ispettore andava a trovare la cara malata, e quando non poteva andarci mandava le sue guardie a chieder notizie.

Così la tristezza dei primi giorni si cambiò in un sentimento di gioia vaga e speranzosa. In casa Velèna non osavano ancora parlare di questa speranza, ma tutti, da Paolo a Caterina vedevano bene che Pietro era innamorato di Angela e sentivano che l’avrebbe chiesta presto in isposa. Era un partito stupendo. Solo Angela pareva non accorgersene, infastidita della lunga convalescenza; ma a poco a poco la ferita si rimarginò, le fasciature furono tolte ed ella perdè l’aria di monaca medioevale che le davano le bianche bende, — e riprese la sua fisonomia, piena di ogni attrattiva moderna.

Il giorno dei santi Pietro e Paolo, Pietro Demeda mandò dei regali a Paolo Velèna, e