Pagina:Annali d'Italia, Vol. 1.djvu/63

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
65 ANNALI D'ITALIA, ANNO XXII. 66

vezza de’ tributi e dei debiti fatti per pagarli. Restò in breve talmente incalzato Floro da Visellio Varrone e da Cajo Silio legati, o, vogliam dire, tenenti generali de’ Romani, che con darsi la morte diede anche fine alla guerra in quelle parti. Più da far s’ebbe a domar Sacroviro, che, occupata la città d’Autun, capitale degli Edui, menava in campo circa quarantamila persone armate. Nulladimeno una battaglia datagli da Silio, con fortunato successo, ridusse ancor lui ad abbreviarsi di sua mano la vita. Fu in quest’anno chiamato in giudizio Cajo Lutorio Prisco cavalier romano, e celebre poeta di questi tempi, il quale avea composto un lodatissimo poema in morte di Germanico, per cui fu superbamente regalato. Avvenne che anche Druso Cesare caduto infermo fece dubitar di sua vita; laonde egli preparò un altro poema sopra la morte di lui. Guarì Druso; ma Prisco, mosso dalla vanagloria, non volendo perdere il plauso dell’insigne sua fatica, lesse quel poema in una conversazione di dame romane. Questo bastò al senato per fargliene un delitto, e delitto che fu immediatamente punito colla morte di lui: a tanta viltà d’adulazione e di schiavitù oramai era giunto quell’augusto consesso1. S’ebbe a male Tiberio, non già perchè l’avessero condannato a morte, ma perchè aveano eseguita la sentenza, senza ch’egli ne fosse informato. E però fu fatta una legge che da lì innanzi non si potesse pubblicar nè eseguire sentenza di morte data dal senato, se non dieci giorni dappoi, acciocchè se l’imperadore fosse assente dalla città, potesse averne notizia. Teodosio il Grande, augusto, prolungò poi questo termine sino a trenta giorni per li condannati dall’imperadore, e verisimilmente ancora per le sentenze del senato.


[p. 66]

Anno di Cristo XXII. Indizione X.
Tiberio imperadore 9.


Consoli


Quinto Haterio Agrippa e Cajo Sulpicio Galba


Questo Galba console, non so dire se padre o pur fratello fosse di Galba, che fu poi imperadore, asserendo Svetonio2 essere stato console il padre d’esso Augusto, e poi soggiugnendo che Cajo fratello d’esso imperadore, per non aver potuto conseguire il proconsolato da Tiberio, si uccise da sè stesso nell’anno 36 dell’Era nostra. Ai suddetti consoli nelle calende di luglio furono sostituiti Marco Coccejo Nerva, creduto avolo di Nerva, poscia imperadore, e Cajo Vibio Ruffino. Era cresciuto in eccesso3 il lusso delle nozze, ne’ conviti, e per altri capi nella città di Roma, senza far più caso delle leggi e prammatiche pubblicate da Augusto, e prima d’Augusto: il che s’era tirato dietro l’aumento dei prezzi delle robe e dei viveri. Fu proposto in senato di rimediare al disordine col moderar le spese. Ma una lettera di Tiberio, che ne accennava le difficoltà, distrusse tutta la buona intenzion degli edili. Tacito nota, che si continuò in sì fatto scialacquamento fino ai tempi di Vespasiano imperadore, sotto cui cominciarono i Romani a darsi alla parsimonia, non già per qualche legge o comandamento del principe, ma perchè così facea lo stesso Augusto: tanto può a regolare e sregolare i costumi l’esempio de’ regnanti. In quest’anno ancora Tiberio scrisse al senato, chiedendo la podestà tribunizia per Druso Cesare suo figliuolo, affine di costituirlo in tal maniera compagno suo nell’autorità e metterlo in istato d’essere suo successore nell’imperio. Fu prontamente ubbidito, e con giunte di novità all’onore: al che nondimeno Tiberio non consentì. Veggonsi meda-

  1. Dio, lib. 57. Tacitus, lib. 3, cap. 50.
  2. Sueton in Galba, cap. 3.
  3. Tacitus, lib. 3, cap. 55.