Pagina:Annali overo Croniche di Trento.djvu/145

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
118 Delle Croniche di Trento

qual parimente lodò Paulo Sommo Pontefice, & con Santini Pontificia la consecrò.

Dunque tal pittura, fatta con tant’arte, tanto ornata, tanto politta, & aprovata con auttorità Apostolica, transportata da Roma à Trento, fù dal buon Vescovo riposta nella Chiesa di San Vigilio, ove anco al giorno d’hoggi vien con ogni riverenza honorata.

Circa quello medemo tempo l’anno 1472. gli 25. Luglio furon ritrovate in Val di Non le sacre Reliquie, & corpi de Santi Martiri Sisinio, Martirio, & Alessandro, sotto l’Altare della Chiesa, consecrata ad honore di quelli, collocate in antico sepolcro, quali nel stesso anno, con l’intervento de molti Sacerdoti, & gran concorso di popolo con insigne pompa, & solenità furon trasportate ad un sepolcro novo. Nel medemo giorno, fù consecrato il Coro di quella Chiesa (luogo che occupa la parte più emminente del tempio, attorniato di sedie, per gli Ecclesiastici, Coro volgarmente chiamato) qual doppò che furon ritrovate le sudette Sacre Reliquie de Santi fù riparato, & ridotto à più bella forma. Da ciò apparve non haver il glorioso S. Vigilio prese dal rogo, o banco di legne ove, furon gli Santi abbrugiati, tutte le Reliquie de Martiri: Ma ò per devotione esserne stata parte di quelle ascosa, ò per impietà d’huomini malvagi con sprezzo gettata, poi per volontà Divina venuta alla luce. E opinione, che quella Chiesa (qual à nostri tempi è stata con grandi spese restaurata) consecrata alli Santi Martiri, come sopra dicessimo, essere_nella Villa, detta volgarmente con nome corrotto San Zeno, di modo che intendono Sisinio per Zeno, ove è chiaro, & tutti lo dicono esser state quelle Reliquie Sante gli anni passati ritrovate, quali anco à nostro tempo quelli Montanari hanno in gran veneratione. E discosto San Zeno due soli miglia da Thaio, ancor che si controversia del nome, perche altri lo vogliono chiamare Thavono, ma s’inganano essendo Thavono un’altra Villa discosta, un sol miglio da San Zeno, qual verte all’Oriente, & Thaio al mezzo giorno, in quella Villa, ò poco lontano, come sopra più diffusamente dicessimo, furono martirizati gli Santi, & finì la vita San Romedio.

[Il Giubileo.] In questo medemo tempo fù publicato à tutto il Mondo il giorno della salute, il Santissimo Giubileo, & fù l’anno 1475. nel quale fù aperto à tutti gli Christiani il Thesoro di Santa Chiesa, che perciò da tutte le parti si vedevano le genti à schiere andarsene à Roma. E costume, massime in quell’anno, adorare le Reliquie