Pagina:Annali overo Croniche di Trento.djvu/148

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Libro Sesto. 121

vi come sarebbe il mio debito m’è necessario passar molti pericoli intorno la propria vita. A me non basta l’animo dar di mano ad impresa, qual non possi senza l’evidente pericolo della mia vita ridurre ad effetto. Mi deve esser più à cuore (diceva) la vita, del danaro. Detto questo si partì dal tempio, & prese le sue poche robbe, diede prudentemente congedo alla casa. Licentiato il consiglio, ostinato ciascuno, consumava in varij pensieri la notte (tempo nel quale la mente ha il campo più libero da far discorsi più sani, & chiari,) con qual artificio potessero conseguire cosa tanto da lor bramata, concludevano, ma se gli opponevan impedimenti, novamente determinavano, ancora nondimeno scorgevano timori raggionevoli, ultimamente deliberarono tentar ogni mezo per por il lor perverso animo in esecutione.

Perilche Giovedì, il giorno avanti che Christo patisse, essendosi uniti nella Sinagoga, tutti pieni di sdegno, per haver Lazaro recusata l’impresa, & il commando de più vecchi, come Leoni arrabbiati voltarono gli infocati, & sdegnosi occchi occhi occhi in Tobia, scaricando la rabbia ch’havevano in Lazaro sopra Tobia. Tobia (dissero) habbiam considerato satisfare, & condescendere à nostri desiderij, niuno fuori di te ci può condurre à questo nostro bramato fine, tù hai stretta amicitia con Christiani, hai con essi loro antica famigliarità, non sei appresso d’alcuno in alcuna suspitione. Se anco andarai questi giorni vagando per la Città, non v’è chi ti osservi, non è chi pensi vadi alla caccia della nostra vittima, facilmente puoi esequire quanto ti commandiamo, & assolutamente vogliamo; che se con animo intrepido, come è tuo solito, & felicemente come speriamo, ridurai à termine questo nostro ordine, faremo che tu resti esente dal travaglio della povertà, ti promettiamo (e l’attenderemo) tanto danaro, e tanto delle nostre facoltà, che scoprirai per certo esserci stata grata la tua virtù, & diligenza. Che tante parole? ti partirai contento, ti partirai ricco. Ricusò senza alcun timore simil incarico Tobia, dimostrò con molte, & evidente raggioni gli pericoli, quali infallibilmente gli soprastavano. Quelli seguendo più il loro odio, che le raggioni, maggiormente adirati ostinatamente instavano, minacciavano, sforzavano. & gli intimorono se non obediva scomunicarlo, & perpetuamente escluderlo dalla Sinagoga. Vedendo Tobia essersi tutti contro lui solo congiunti, scorgendo anco il pover’huomo il premio promessoli: hora disse; piglio in me questa cura, mi dispongo esequire, con animo intrepido, quanto com-