Pagina:Anonimo - Matematiche Fascicolo primo, 1837.djvu/29

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
30

ma se riesce maggior di dieci, non scrivo, che la cifra dell’avanzo al numero delle diecine, che cotesta colonna contiene; e le quali io porto alla terza colonna.

3.° A questo secondo numero di diecine di diecine, ossia di centinaja, aggiungo le cifre della terza colonna, ch’è appunto quella delle centinaja, e secondo che la somma riesce minore, o maggiore di dieci, vi scrivo sotto o cotesta somma, o l’avanzo alle diecine, che contiene; e le quali io serbo per la colonna seguente a sinistra; e così di seguito, finchè arrivando all’ultima colonna, cioè alla prima a sinistra, vi scriverò sotto tale quale la somma, che troverò per essa».

S’intende bene, che quando la somma per una colonna è minor di dieci non ritenendosi punte diecine per la colonna seguente, in questa qui vanno sommate solamente le sue cifre; ed inoltre, se non avanza nulla al numero delle diecine per una colonna, allora vi và scritta sotto la cifra 0.

Dopo questa operazione il numero, che risulterà scritto sotto la linea orizzontale tirata, sarà la somma voluta de’ numeri proposti.

3. Il processo delle nostre operazioni si giustifica subito, e si rende per così dire, sensibile all’occhio ed al tatto, se s’imagina, che