Pagina:Anonimo - Matematiche Fascicolo quarto, 1840.djvu/5

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

5

Alla seconda condizione poi si soddisfarebbe col sopprimer nelle nuove frazioni il denominatore comune, purchè ciascun nuovo numeratore si riferisse mentalmente ad un altro numero sottinteso, che fosse il quoziente del primitivo diviso pel denominatore soppresso.

Così delle due frazioni per es. , la prima si riduce immediatamente al medesimo denominatore della seconda scrivendo di seguito a’ suoi termini due zeri soltanto; e sopprimendo poi il denominatore comune ad ambedue 1000, non si avrebbe, che a considerare i due numeratori 700, 117.

Quindi è, che in seguito preferiremo sempre nelle applicazioni, che ne faremo, coteste frazioni a quelle di ogni altra specie.

2. Ma volendo conservar sempre intatto il numero sottinteso, e nello stesso tempo risparmiarci anco la riduzione delle nostre frazioni al medesimo denominatore, noi adotteremo alcune convenzioni per scriverle in un altro modo, anche più conciso.

A quest’oggetto riflettendo, che collo scrivere a destra di una cifra significativa, per esempio 1, uno, due, trè, ... zeri si hanno l’espressioni o caratteristiche 10, 100, 1000, ..., il valor delle quali è dieci, cento, mille, ... volte