Pagina:Anonimo - Simpatie di Majano.djvu/103

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


XI.

In fatto di musica, Lei lo sa, io sono un villano: abborro le dotte e complicate armonie, sono invece sensibilissimo ai tamburi e alle campane: aboliti quelli e rinviati alla storia, non mi restano più che le campane: la loro possente voce di bronzo che infastidisce tanti timpani delicati, non mi ha mai recato disturbo: anzi talora ha posto fine alle insonnie di lunghe notti cullandomi col sonoro saluto del mattino.

È la monomania del grottesco Quasimodo, lo so: ma fu pure la passione di Giovanna d’Arco, la quale, prima di partire per le sue miracolose imprese, sentiva così profonda la poesia delle campane che aveva promesso al campanaro di Vau-