Pagina:Antichi monumenti di Siracusa.djvu/22

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

X    12    X

lo stesso scrivon Seneca, Sallustio presso Servio, Plinio, Sabellio, Ennio, Strabone, e Fazello.

758.


Archia Corinto, cacciati i Sicoli, viene a soggiornare in Siracusa anni cinque prima dell’edificazion di Roma. Il suo governo è misto tra gli ottimati, e i popolari. Dopo qualche tempo avviene una discordia civile tra quei del partito popolare, e i nobili della città: questi restano al di sopra; onde la prima forma del governo misto cambiata viene in perfetta aristocrazia. Insorta altra nuova sedizione, muta faccia il governo, e prende piede la democrazia. Fra questo spazio di tempo si rapporta da Ateneo, e da Eliano il re Pollio, il quale introdusse in Siracusa il vino, da cui prese il nome, ch’è lo stesso del vino Biblino, e del Moscato, come ha fatto vedere il ch. Cav. Landolina. Di Pollio vi son due Medaglie con le lettere iniziali ΠΟ, e di diverso conio, pubblicate da Dorville, riconiate con le lettere ΠΟΛΙ, e interpetrate dal Burmanno. Il governo monarchico, se mai fuvvi ne’ primi tempi istituito, si cambiò tantosto in democratico. Nell’epoca di Archia Corinto si principia a coniar moneta. Molti Antiquarj son di parere, che la medaglia raffigurata con due teste unite nel dritto, e col cavallo nel rovescio, allude alle due figlie di Archio, che chia-