Pagina:Antichi monumenti di Siracusa.djvu/44

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

X    34    X

legga il §.1.&.2. Venne fabbricata dopo la morte di Archia Corinto, o sia verso il fine del secolo VII., o sul principio del VI. prima della nascita di Gesù Cristo nel governo misto tra gli ottimati, e i popolari, che poi cambiato venne in perfetta aristocrazia, e quindi in democrazia; onde prima del re Gelone, che principiò a regnar negli anni 485., Tica esistea. Era situata in un luogo eminente, e molto popolata. Da levante guardava Acradina, dalla quale era divisa con una muraglia, da tramontaria avea le campagne, e per queste si andava a Megara, oggi detta la Penisola di Magnisi, e a Lentini; da ponente rimirava gli Epipoli, chiamati Belvedere, da mezzogiorno Napoli.

Ebbe Tica le sue mura, e non già, come suppone il Bonanni, che dalla parte del ponente non ne avea; poichè non è da credersi, che i Siracusani avessero avuto l’impegno, di fortificar quel lato, che dalla natura potea dirsi forte, e poi lasciato avessero aperto l’unico luogo, facilissimo ad essere assaltato dal nemico. Tica principiava da Scala Greca fino agli Epipoli, o sia dal sito, dov’era il primo castello Labdalo, oggi detto Buffalaro. Vogliono alcuni Scrittori, che fra Tica, e gli Epipoli eravi qualche spazio non abitato, nel quale si accampò Marcello, altrimenti sarebbe stata più grande di