Pagina:Antichi monumenti di Siracusa.djvu/45

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

X    35    X

Acradina contro la comune opinione. Da Livio lib. 14. si rilieva, che fra Tica, e Napoli non fuvvi nessuna muraglia, ma da altri Storici, e dai vestigj ricavasi il contrario.

§. 4.

Napoli quarta città di Siracusa sua fondazione, e suoi confini.


La quarta città di Siracusa fu detta Napoli: Cic. act. IV. in Ver. lib. IV. quarta autem est urbs, quae, quia postrema aedificata est, Neapolis nominatur. Venne fabbricata dopo Tica nello spazio degli anni 60., in cui morì Ierone I. fino al 405. prima di Gesù Cristo, nel quale principiò a regnar Dionisio Maggiore. Tucidide, celebre storico greco, che visse negli anni 451., nella descrizion di Siracusa, fa menzione solamente di Ortigia, Acradina, e Tica, ond’è chiaro, che Napoli fu aggiunta dopo il di lui tempo. Inoltre abbiam da Diodoro, che Dionisio Maggiore, sortito con l’ajuto de’ Campani dall’isola, scacciò i Siracusani fino a Napoli; dunque nel suo governo esistea la detta quarta Città. Plutarco in Vit. Marc., abbreviandone il nome, la disse Nea, onde gli abitanti in luogo di chiamarsi Neoi da Neos, nominar si fecero KAINoI. Diodoro mette un’altra città, fabbricata in Sicilia da Ducczio, re dei Sicoli, nell’Olimpiade 81.,