Pagina:Arabella.djvu/463

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 457 —

A un certo punto lo schioccare d’una frusta la richiamò al senso della realtà. Essa aveva già oltrepassato il palo che segna la fermata. Le parve che un uomo dietro di lei le gridasse qualche cosa di seccante, di inafferrabile, e affrettò il passo, persuasa che il suo dovere fosse di correre sempre avanti per arrivare più presto alle Cascine, per salvarsi da una tentazione, per gettarsi a’ piedi de’ suoi a chiedere perdono.

Più camminava però e più sentiva le gambe farsi pesanti e le vesti intralciarsi al passo e avviticchiarsi come drappi umidi: e il piede sprofondare in un pantano di materialità ributtante e grossolana, in cui spiccicavano delle idee non meno ributtanti e grossolane.

Il rimorso, ritrovandola così debole e sconvolta, tornava a riprendere d’assalto la debole coscienza della monachella e diceva: — Vergognati! hai lasciata la tua casa, hai abbracciato e baciato vergognosamente un povero giovinetto, hai sgomentato la sua vergine coscienza, torna a casa, espia, espia...

Non era meglio morire? non incalzava dietro di lei qualche cosa di fatale e di tremendo? Se invece di correre troppo presto verso la sua condanna, avesse rallentato il passo, si fosse sdraiata in terra...? Anche il povero papà era passato per queste spine, per questa strada melmosa, in cui l’anima affoga nel fango. E se non era lui vivo, era il suo fantasma inquieto, che camminava dall’altra parte, lungo il regolo del binario, e che le diceva: — A che giova il tuo sacrificio? tu non lo compi con rassegnazione, e il bene che si fa con rancore non giova nè ai vivi nè ai morti. Tu mordi la tua catena e imprechi contro di