Pagina:Archivio Glottologico Italiano, vol.14, 1898.djvu/35

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Studj liguri. § 2. Testi: 2-4. Proposizioni ecc. 23

e si pregemo lo Segnor Dee, chi a faito lo ce e la terra, che ello ve guarde e ue defenda. E etiamde vimo lo bom amor e piaxer de la nostra paxe; de che noi ve referamo gratia e si semo apareiai a tuto lo vostro piaxer e honor, lo quar e nostro proprio. Ancor si inteisemo in quella vostra letera de lo seruixo de Filipo Demerode e Bonefatio da Sori, seruioi e amixi vostri; e pero, ancor che sea contra honor e bem de lo nostro Comun e dano grande zo che elli voren, noi si como quelli chi semo a tuti li vostri piaxer et seruixi apareiai, si mandemo comandando a li nostri de Peyra ch’i fazam la dicta francheza a quelli Filipo et Bonifatio, como voi comandai, si che la dicta francheza sera faita per lo vostro amor e per lo vostro honor. Noi ve pregemo che uoi ne mandei de le vostre letere e de lo vostro bom stao e si ve recomandemo li nostri de Peyra, chi sum vostri figi e seruioi e veraxi. Lo Segnor De si ue guarde aora e sempre. Per parte de noi Luchim de lo Vermo capitan e logo tenente in la citae de Zenoa per li grandi e magnifichi Segnoi de Miram, de Zenoa e de tuta la Lombardia, e lo Conseio de li doze Antiam de la dicta Citae de Zenoa. Data in Zenoa M° CCC° LVJ° die xxj Marcii.



N. 4. — Proposizione fatta al Consiglio degli Anziani e all’Ufficio di Provigione del Comune di Genova, per ottenere fondi occorrenti a scopi diversi.

12 Aprile MCCCCIIII.

[Dall’originale, nell’Archivio di Stato genovese, Registro 6 dei ‘Diversorum Cancellariae’, f. 88b e 89a]*1


Como voy sauey, Segnoy, el e fermao accordio cum li Veneciaym, ratifficao et approao per este Comun. Per caxom de lo quar acordio se de far alcunne cosse ali Veneciaym, per le quae fa mester auey certe quantitae de dynay.

E auuo meuro examem in este cosse, per lo officio de la prouixiom, lo quar a pu per mam e pu mastegay questi seruixi, apar che de neccessitae se couegna pagar le quantitae che voy odirei, e per le caxoim che e dyro, per obseruaciom de lo dito accordio.

Primeramenti li dynay promisi l’ano passao d’acordio a meser Zacharia Triuixam, lo qua fo ambaxao per li Veneciaim in esta cytae. f° CCC.

Anchora lo dano de la naue preyza in Euiza, lo quar f° se auisa che sea.


  1. * In questo testo abbiamo una dello solite ‘proposizioni’ o ‘proposte’, che si presentavano ai Consigli, perchè discutessero e deliberassero intorno ad esse. I Cancellieri solevano trascriverle nei loro Registri in volgare, come realmente erano state lette, mentre della discussione contentavansi di dare un sunto in latino. Il giorno 12 aprile [1404], — si legge nell’indicato volume — , «conuocato et congregato consilio vocatorum in sala magna Palatii ut moris est, et lectis et vulgarizatis in praesentia vener. Consilii Antianorum et Officii Prouisionis ecc., tenor propositarum talis est». E segue il nostro testo.