Pagina:Archivio della R. Società Romana di Storia Patria - Vol. XVI.djvu/228

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
224 F. Nitti

Quantum ad 4um, in quo petit ut liceat Sue Sanctitati et cardinalibus extrahere ex regno triticum ordeum oleum et vinum pro usu suo et familiarum suarum, Sue Maiestati videtur quod bec petitio preseferat diffidentiam quamdam filialis devotionis sue et observantie. erga Suam Sanctitatem nec non benevolentie erga omne collegium cardinalium, et proinde quod eius petitio seu mentio sibi postponenda videtur, nam ad libitum Sue Sanctitatis id concessura est &c.

Quantum ad sextum, in quo fit mentio confirmationis privilegiorum et cetera pro dominis Florentinis, Sua Maiestas dicit: quod non minora ipsa pro illis factura est quam sui fecerint predecessores, sed longe etiam maiora Sue Sanctitatis intuitu: quod facerepoterit cum Germaniam adierit coronamque susceperit, nam alias nullius ea foret momenti aut efficacie.

Quantum ad 7um, in quo agitur de remittendis delinquentibus bine inde, Maiestas Sua contentatur.


V.


1519, 21 settembre. Minuta d'istruzione del cardinale Giulio de' Medici ad Antonio Pucci, vescovo di Pistoia.


[Arch. cit. Mss. Torrigiani, busta III, fascicolo x, inserto 1°.]

Reverendo episcopo Pistoriensi.

Die .xxi. septembris .mdxix.


Monsignore. Voi ne andrete in Elvetia dove la Santità del papa vi ha deputato nuncio suo et de la Sancta Sede apostolica, et farete la via da Milano, o dove intenderete essere lo illustrissimo monsignore de Lautrech, non sendo però molto lontano dal cammino vostro, et visiterete sua excellentia per parte di Nostro Signore et, presentato el breve credentiale dopo le salutazioni &c., comunicherete seco la causa de la andata vostra a Svizeri offerendovi in tucto quello che per voi fare si potrà a benefitio del re Christianissimo, significandoli havere in mandatis di tenere la medesima cura de le cose di Sua Maestà, che di quelle di Nostro Signore, ricercandolo se vi ha ad dare ricordo o instructione alcuna, et pregandolo che vi tenghi advisato de le cose importanti ad proposito de la legatione vostra, et discorrendo amorevolmente li ricorderete che volendo fare fructo con quelli signori atteso el modo del negotiare loro, tanto pu-