Pagina:Archivio della R. Società Romana di Storia Patria - Vol. XVI.djvu/58

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
54 M. Pelaez

caduti dal 1327 al 1340. Index praecedit, litterarum ordine digestus. Cola (di) Paolo di Benedetto Magistri regionis Pontis. Viv. saec. xv declinante. Memorie di cose succedute dal 1431 al 1476, p. 16, praecedit index, litterarum serie dispositus. Coleine Cola Romanus de regione Transtiberis. Viv. declinante saeculo xvi. Diario di cose accadute dal 1521 al 1561, p. 38 index rerum praemittitur serie litterarum digestus1.


Ed ora ecco l’elenco dei manoscritti dei quali potemmo giovarci per la nostra edizione2:

Roma. — Arch. Soderini3. Ms. cartaceo in-4, sec. xyi, rilegato in pergamena. Sul dorso leggesi: «Diari | e | Memorie | di diverse | cose | accadute | in | Roma | dairi422 | al 1524 | Tomo 179». Sono numerate le sole prime sedici carte, il resto del codice, insieme colle prime sedici carte, è numerato per quinterni, i quali sono sei, tutti completi, eccetto il secondo, da cui fu tagliata una carta prima però che il codice fosse scritta Nella seconda carta leggesi la medesima intestazione che nel dorso. Nel retto della caru seguente comincia il Memoriale di Paolo di Benedetto di Cola dello Mastro. A principio leggesi il seguente proemio: «Al nome sia dell’altissimo Dio e gloriosa vergine Maria e di tutti li santi della corte del cielo che ce prestino grazia che potamo bene, et honestamente vivere in questo mundo. Questo serao un libro de memoria delle cose che occorreranno, fatto per mi Pavolo de Benedetto di Cola dello Mastro dello rione di Ponte, nell’anno 1422, a dii ultimo di novembre». Inc.: «Raccordo io Paolo predetto che in nell’anno 1422 a dij ultimo di novembre, lo die di santo Andrea apostolo, lo fiume di Roma
  1. La descrizione di questo manoscritto, quale leggesi nel catalogo della Chigiana, mi fu comunicata dall’egregio bibliotecario prof. Giuseppe Cugnoni, cui rendo qui le debite grazie.
  2. Per Roma le ricerche furono fatte da me. Dalla R. Società Romana di storia patria furono diramate circolari alle biblioteche principali d’Italia; ma tutte, meno Firenze che ha una copia del Memoriale tratta da un manoscritto Vaticano, risposero non possedere alcun esemplare del Memoriale. Pertanto è da pensare che fuori di Roma il nostro Memoriale non ebbe alcuna fortuna.
  3. L’archivio Soderini trovasi depositato presso il notaio Garroni di Roma, il quale mi diede facoltà di studiarlo a mio agio: qui pubblicamente ne lo ringrazio.