Pagina:Archivio storico italiano, serie 3, volume 12 (1870).djvu/17

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

degli inquisitori di venezia 13

vedeste segno alcuno di trazza1 dalla qual potesse comprender verso dove fossero andati rispose: mi non feci fantasia perdio seguitava el barcarol. Domandato, Sapreste dir l’effigie et habiti di costoro?: rispose: non li ho veduti in ciera; mi parvero due desgraziati mal vestiti, uno de’ quali haveva un colletto negro. Domandato, Conoscete quel barcarol che li vogava? rispose: Signor, no, ma l’è un vecchio. Domandato, Sapete altro intorno a questo fatto o alcuno che potesse dar maggior lume alla giustitia? rispose: non so altro.

Super generalibus recto. Lecta et iuravit, et confir.

«Illico. - Il signor Alvise Ragoza dottor habita a San Barnaba nelle case del priorado, testimonio assunto, monito, iurato.

«Fuit dictum: Sapete alcuna cosa per la quale si potesse venir in cognition di quelli che hanno dato le ferrite al padre maestro Paolo, respondit: passando già due o tre giorni di mattina per il campo di San Zuan Degolà vidi doi, un piccolo vestido di color come verdolin, traccagnotto, mi par che havesse un poco di barba negra, l’altro più grande scarmo2 vestido con una mezza vesta come usano questi preti forestieri con barba negra; e questo che era vestito da prete trattava mercato di una vesta a maneghe a comio col strazzarol3 che mette fuora là su quel campo, il qual non so ove stia in casa nè come si chiami. Dictum, Vedeste poi che comprassero quella vesta? respondit: Illustrissimo Signor no. Dictum, Sapete altro respondit: Signornò.

Super Generalibus recto. Lecta confirmavit et iuravit.

«Illico - Federigo fio de Giacomo Zanatte sta in Santa Fosca nominato in processo, monito iurato.

«Gli fu detto, Hastu4 visto a dar al padre maestro Paulo? respondit: Illustrissimo Signor no, perchè ero sentado su l’ultimo scalin del ponte con la schena voltado verso dove veniva il padre. Dictum, Dì quello che hai veduto, respondit: doppo ferrito il padre vidi doi che correvano verso San Marcilian; io messi zò un fantolin mio fratello che haveva in brazzo, e mi messi a correrghe dredo cridando dai dai a sii ladri sassini: così li seguitai fino che andorono in Corte vecchia alla Misericordia; vidi che saltorono in una barca, e sentii poi a sbarar un’arcobusada, e vidi uno che era

  1. Traccia.
  2. Scarno
  3. Cenciaio v. rigattiere.
  4. Hai tu.