Pagina:Archivio storico italiano, serie 3, volume 12 (1870).djvu/199

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

rassegna bibliografica 195

donate sono le mura della città già rastaurate da Ermengarda abbadessa di quel monasterio, al quale ora Lotario concede un ingresso ove possa farsi una scala conducente a quelle mura por difenderle dai nemici.

Di Pavia, 23 settembre 947; di Lotario re anno XVII.

L’originale è in Milano e ne trasse copia il Dümmler. La indizione è la VI, lo che prova che sotto Lotario essa cambiavasi al primo di settembre1.

20.° Berengario marchese d’Ivrea del fu Adalberto marchese dona alla chiesa Cremonese e al vescovo di essa Dagiberto quanto egli possiede in Cremona, non che le terre adiacenti ad essa verso tramontana tra i due fossati, nella misura di cinque jugeri.

Di Pavia 25 aprile 931; di Ugo re anno V, di Lotario re anno I.

La copia è dovuta ad Ippolito Gereda che la trasse dall’originale nella pubblica biblioteca di Cremona. Il Böhmer pone la correggenza di Lotario al 15 maggio 931; ma le date di quest’Atto la fanno precedere, e appoggiano la cronaca di Guidone che la fissa al di 8 d’aprile2.

2l.° Ludovico (il Cieco) imperatore ad istanza di Ragamfredo arcivescovo di Vienna3 e notaio del sacro palazzo dona al visconte Berilone la villa di Ponziana e la villa Cabonaca nel pago Viennese, con diritto ereditario.

Di Vienna, 17 aprile 902; di Ludovico imperatore anno IH.

Quest’Atto e i seguenti trascrisse il Dümmler dal codice della biblioteca imperiale di Parigi, accennato sopra al N.» 13. La data non si crede esatta4.

22.° Ad istanza dell’arcivescovo Rostagno, del vescovo Berno e dei conti Liutfrido, Ugo e Teuteberto, l’imperatore Ludovico conferma al conte Adalelmo e alla consorte di lui Rotlinda le concessioni fatte da Carlo (III) da Boso padre di esso Ludovico o da lui stesso.

Di Vienna (?) 6 giugno 903; Di Ludovico imperatore anno III.

23.° Il detto Ludovico, ad istanza di sua moglie Adaleida, concede una vigna nel pago Viennese al suo fedele Girardo, con diritto ereditario.

  1. Questa sarebbe la indizione Costantinopolitana: la Costantiniana o cesarea o imperiale mutavasi il 24 settembre.
  2. È notevole la formola colla quale il marchese Berengario dà a scrivere l’atto: Et pergamena cum atramentario de terra elevavi, Adelprando notorio domnorum regum dedi, et scribere rogavi.
  3. Vienna di Francia, e così negli Atti seguenti.
  4. Il Muratori negli Annali ritiene che Ludovico fosse incoronato imperatore nel febbraio del 904.