Pagina:Archivio storico italiano, serie 3, volume 12 (1870).djvu/623

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search





ANNUNZI BIBLIOGRAFICI





Della interpretazione della terzina 16 del Canto IX del Paradiso, Nota di Fedele Lampertico (estr. dal volume XV, serie 3.°, degli Atti dell’Istituto Veneto). - Venezia, 1870; in 8vo di pag. 24.


Nell’Archivio Storico (4. dispensa, 1869) si è fatto cenno dell’opuscolo: Intorno al passo della Divina Commedia:

«Ma tosto fia, che Padova al palude
Cangerà l’acqua, che Vicenza bagna,
Per essere al voler le genti crude»;


in cui l’erudito prof. Gloria si prova a mostrare come per questi versi del divino Poeta si debba intendere non già l’insanguinarsi delle acque del Bacchiglione, ma lo scavo regolare delle Brentelle. La presente Nota del Lampertico, intesa a confutare la nuova interpretazione per ribadirne l’antica, dimostra da prima «l’esistenza del palude (e palude vastissimo) ne’ luoghi, ove si combatterono i fatti d’arme tra Vicentini e Padovani»; rimuove quindi «i dubbii intorno alle parole usate dall’Alighieri per significare fatti d’arme, combattimenti, stragi»; precisa da ultimo a quali fatti accennino i versi della Divina Commedia. La copia dei documenti, la solidità della dottrina e la precisa indicazione de’ luoghi, ond’è condotto l’intero lavoro, danno troppa ragione agli antichi e moderni commentatori, perchè si possa accettare senz’altro la ingegnosa interpretazione del Gloria.

B. Morsolin.