Pagina:Archivio storico italiano, serie 3, volume 13 (1871).djvu/217

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

dei genovesi 213

amore non potè per quella volta afferrarmi, ma me la serbò per non molto dopo»1.

Il Banchero ha un documento da cui risulta come le spese per la solennità dell’incoronazione di Giambattista Cambiaso (9 febbraio 1772) rilevassero alla cospicua somma di oltre a 483mila lire2. E nei Cerimoniali si noia che in tale circostanza la chiosa di San Lorenzo «era Tutta in luminosa comparsa, cioè.... tutta apparata, con due palchi vicini al Sancta Sanctorum di numerossima orchestra; e ciò a spese della casa del suddetto Doge3.

Ma l’esempio di tanta magnificenza avrebbe anche potuto riuscire pernicioso; onde, allorché si trattò di dare un successore al Cambiaso, non mancò il Senato di far precedere un nuovo decreto, nel quale, per tagliar corto a’ preparamenti, si veniva insinuando che l’incoronazione ed il convito si celebrassero a norma delle antiche usanze, entro lo spazio di otto giorni da quello della elezione4. L’Acinelli ricorda poi, che Pier Francesco Grimaldi tenne fede al decreto, e l’ebbe con precisura e puntualità rispettato: nelle quali parole mal sapresti indovinare se si ccfntenga un elogio, o si asconda piuttosto uno di que’ sarcasmi . onde quel sacerdote entusiasta del popolo facea segno non infrequente la nobiltà5. Però, non appena il Grimaldi uscì d’ufficio,

  1. Alfieri, Vita, epoca III. capo 4.
  2. Banchero, Op. cit. . p. 332.
  3. Cerim., VIII, 35. G. B. Cambiaso morì in dignità il 21 dicembre 1772; e moltissime furono le benemerenze di lui verso la Repubblica, a pro della quale spese ognora largamente il pingue suo patrimonio. Il Senato gli allogò nel R. Palazzo una statua marmorea; la rivoluzione del 1707 la mandò in pezzi.
  4. Acinelli. Comp., III, 75.
  5. Id., III, 105. Nei Cerimoniali (VIII, 43) si legge che al convito del Grimaldi assistettero soltanto i Collegi, il Generale dell’armi «e non altri, par essere cossi stato decretato et insinuato da’ prefati Serenissimi....a cagione d’evitare la gran spesa del banchetto,... e.... facilitare la via, acciò non seguissero tante scuse di magnifici cittadini che non vollevano accettare la carica ducale, per essere troppo gravata di spese che si stillavano a tal effetto farsi.