Pagina:Archivio storico italiano, serie 3, volume 13 (1871).djvu/239

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

fra venezia e ravenna 235

Tederico arcivescovo tenuto prigione cinque anni nelle Puglie, ritornò allora alla sua diocesi, ed appunto perchè perseguitato da Federigo, da Arrigo fu tenuto in gran conto, che lui e lutti i nobili già cacciati cercò di farsi partigiani ed amici. Laonde il 30 di novembre 1245 gli scrisse di Germania, dicendogli in quanto onore lo avesse, e raccomandandogli di aiutare i signori romagnuoli che Federigo avea espulsi, a ritornare a’ loro castelli ed a ricuperare gli averi ed i diritti perduti1. Ma vinto da Corrado figlio di Federigo, nel 1247 Arrigo morì, e questi disegni andarono a vuoto.

Da una carta del monastero di S. Vitale parrebbe doversi inferire che nel giugno 1246 Ravenna era ancora in mano a’ ghibellini; certo vi erano magistrati imperiali, vedendosi in quel documento come Rainaldo dal Foro giudice del Comune di Ravenna per la Camera imperiale (Commanis Ravennae pro Imperiali Cammera) addì 20 di detto mese Imperante.... Federico.... Dei gratia ec, fece una certa divisione di beni. E senz’altra novità finiva quest’anno, scorreva tutto il successivo, e giungeva il maggio del 1248, quando il cardinale Ottaviano degli Ubaldini mandato dal papa legato in Romagna tutta la riacquistò alla Chiesa. [Ravenna torna a malincuore in potere della chiesa.]

Che dopo pochi giorni di assedio, Forlì gli si arrende, ed allora tutte le città vicine una ad una gli aprono le porte. E questo pur fece Ravenna, ma assai più a malincuore dell’altre, che risoluta dapprima a resistere, a mala pena si piegava poscia ai consigli e dall’autorità dell’arcivescovo Tederico, il quale seppe quetare le menti ed apparecchiarle almeno ad udire le proposte e le promesse del legato. E questi comandò ai Ravennati di inviargli aiuti per l’assedio di Parma: vi furono mandati dodici uomini e nulla più con la paga di trenta lire ravennati al mese per ciascuno, che in questa età ogni minima forza osava entrare

  1. Fant., Mon. Rav., tom. III, pag. 83, Arch. Ep. Rav.