Pagina:Archivio storico italiano, serie 3, volume 13 (1871).djvu/369

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

in lingua sarda 363



I.


Secolo XI1.


(Dipomatico, R. acquisto Coletti).



† In nomine Dni, ani. &go iudice Mariano de Lacon fazo ista carta ad onore de oms homines de Pisas p xu toloneu ci mi pecterunt, & &go donolislu p cali sso &go amicu caru, e itsos a mimi. Ci nullu Iperatore c’il vaet potestare istu locu de non n’apat comiatu de levarelis toloneu in placitu, de non occidere pisanu iogratis, & ccausa ipsoro ci lis aem levare ingratis, de faccerlis iustitia, inperatore cince aet exere intu locu. & ccando mi petterum su toloneu ligatarios ci mi mandaru homs ammicos meos de Pisas, fuit Falceri & Azulinu & Manfridi, &d ego fecindelis carta pro honore de xu pisccopu Gelardu, & de Ocu Biscomte, & de onìs consolos de Pisas, & ffecila pro honore de oms ammicos meos de Pisas, Guidu de Vabilonia, & Lleo su fre, Repaldinu, & Ianellu, & Valduinu, & Bernardu de Conizo, Fracardu, & Dodimùdù, & Brunii, & Rranuzu, & Vernardu de G-arulictu, e Ttornulu: p siant in onore mea, &d in aiutoriu de xu locu meu. Custu placitu lis feci p sacramentu &go, & domnicellu Petru de Serra, & Gostantine de Azzera, et Voso Vecce su.... & Dorgotori de Ussam, & Nniscoli su fre.... Niscoli de Zor..., Mariane de Ussam, Pet...



In nome del Signore, amen. Io giudice Mariano di Lacon faccio questa carta ad onore di tutti uomini di Pisa per il dazio che mi domandarono, e io donoglielo in quanto sono

io amico caro, ed essi a me. Che nessuno imperante che

  1. A questa carta, che forse ci conserva la più antica memoria de’ consoli pisani, manca il fine e la data. Ma essa è del tempo in cui fu vescovo di Pisa Gerardo, il quale morì, secondo alcuni, nel 1086, secondo altri nel 1089 (Mattei, Eccl. pis. hist. I. 172, 174).