Pagina:Archivio storico italiano, serie 3, volume 13 (1871).djvu/370

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
364 due carte inedite

vada podestare questo luogo non n’abbia facoltà di levar loro il dazio contro piacimento, di non uccidere pisano contro giustizia, e cose loro che loro leveremo contro giustizia, di l’are loro giustizia imperante chiunque abbia essere nel luogo.

E quando mi domandarono il dazio legati che mi mandarono uomini amici miei di Pisa, fu Falceri, e Azzolino, e Manfredo , ed io feci loro carta per onore del vescovo Gerardo, e di Oco Visconte, e di tutti consoli di Pisa, e fecilo per onore di tutti amici miei di Pisa, Guido di Babilonia, e Leo il fratello, Repardino, e Gerardo, e Giannnello, e Balduino, e Bernardo di Conizo, e Francardo, e Dodimondo, e Bruno, e Ranuzzo, e Bernardo di Garolitto, e Tomolo; affinchè siano in onore mio, ed in aiuto dello luogo mio. Questo placito loro feci per sacramento io, e donnicello Pietro di Serra, e Costantino di Azzem, e Vosone Vecce il.... e Torcotorio di Ussam, e Niscoli il fratello... . Niscoli di Zor[i], Mariano di Ussam, Piet....




II.


1212, maggio 10, ind. XIV.


(Diplomatico, R. Acquisto Coletti).


_o n_ n_ In nomine Patris et Filii et Sps Sci, am. Ego ludigi Salusi de Lacon cun fìlia mia Benedicta j> bolintate de donnu Deu potestando parti de Kalaris, fazzulla custa carta pro beni ki fazzu a onori de Deu, et de Scù Iorgi, et de Scù Gorgonii, et de Scu Vitu martirus de Xpu, et pro remissioni de sus peccadus mius, et de parentis mius, et pro pregu ki m’indi fegit, candu andei ad Pisas, donnu Albertu su abbadi de Gorgona et de Scu Vita, cun issus fradis suus. Assolbulla sa dornu de Scu Iorgi de Sabollu, ki si clabat ad pusti su monasteriu de Gorgona et de Scù Vitu, et assolbu sus serbus , et is ankillas de cussa domu, et totu sus hominis ki