Pagina:Archivio storico italiano, serie 3, volume 13 (1871).djvu/63

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

dei genovesi 59

a lo Garigliano, siche era in sua possanza quello dì de investirne. Noi habbiando a mente la comissione vostra de no prender battaja, se era altramente possibile dar soccorso a Gaeta, sì se forzàmo de tirar a vento, si navigammo in ver Ponza. Lo Re sempre seguitonne, e monto presto le galee fonne a noi; alle quae mandaè un me trombetta, pregando alla maestè de lo Re che elio no me vorresse dà impachio, ma me lasciasse andar a Gaeta, e che lo illustre segnò nostro e la nostra Comunitae no vorè guerra, etc. Lo Re eri mattin, lo dì de San Domenego, me manda un cavalier, messer Francesco da Capoa, a ro qua pu lungamente parleì con questa conclusion, che noi no voreimo ne guera ne bataja, ma vorriamo andar a Gaeta, et altre parole secundo altra commissione che haveva recevuo lo dito meser Francesco dallo Re, che havea forte speranza che per pagòra1 mi ghe feise fa questa ambascia; e incontinente mandò un cavalero con lo so arado, e, quasi comandandome, me disse che mettesse a basso re veire. E subito ra nave con ro vento in poppa, cridando,... con bombarde e con barestre me investite. Noi fummo li primi investij dalla nave dello Ree da tre altre nave, e misso lo ballao onde ghe piaxè in ro scarao de proa, fummo concatenò amorosamente2, avendo da poppa un’atra nave e da l’atro lào un’atra, et a proa un’atra.

«Non pensàe3 che li nostri compagnoni e patroni fugissano; ma monto tosto fummo.... elli e noi tutti lighè e incatenò insemme amorosamente. Erano le galee dalle coste, refrescando le loro navi de homini e tirandone re lo navi addosso onde ghe piaxea, però che era grandissima carma. Finalmente lo Altissimo de noi dalle hore 12 a re 22, senza intervallo nò reposo, habiando rispetto alla giustitia, ne dè vittoria.

  1. Paura.
  2. Così hanno tutte le copie mss.; ma sarebbe meglio: animosamente.
  3. Non pensate.